Marco Michelini è nato a Genova nel 1978.
Imprenditore,stilista di moda,manager di superyacht,personal shopper,interior designer e amministratore delegato di alcune aziende importanti.
Nel 2006 crea il suo personaggio MYFO che è stato associato fin dagli esordi al bandito armato di pistole ,disegnato da lui ,diventando poi il simbolo riconoscibile della sua arte.
Nel 2018 nasce artista a tutti gli effetti scoperto da un ex gallerista ,comincia a sperimentare altre tecniche, avvicinandosi all’arte figurativa: nella semplicità del suo loft sotterraneo a Genova nascono le prime opere che si ispirano all’arte di Andy Warhol e Mimmo Rotella.
L’accoglienza positiva che riceve a Genova durante l’esposizione ‘Arte e Genova’ dove presenta quattro opere lo porta ad abbandonare le forniture per yacht di lusso e a dedicarsi interamente a coltivare la sua inclinazione per l’arte.
Spinto dal desiderio di comunicare le proprie idee artistiche promuove con tenacia le proprie tele nelle gallerie di Milano.
Eugenio Falcioni ,grande collezionista di Andy Warhol e proprietario di una delle più importanti gallerie la E.F. Gallery di Corso Magenta, se ne interessa e, dopo una lunga attesa, sceglie di esibire le sue opere in esclusiva, affiancandole a quelle del maestro Warhol. In meno di un anno Myfo arriva ad esporre al ristorante Cipriani di Montecarlo dove sue 18 opere occupano lo spazio riservato in precedenza allo stesso Warhol.
A Milano durante un party esclusivo viene chiamato da Paris Hilton che, dopo aver osservato un quadro esposto nel locale chiede dell’artista e dopo averlo incontrato esclama entusiasta “io non uscirò di qua senza quest’opera!”.
Il giorno seguente grazie alla pubblicità della milionaria Paris e i suoi post su Instagram Myfo ebbe richieste delle sue opere da tutto il mondo.
Mentre il suo nome inizia a circolare, altri luoghi esclusivi si dotano dei suoi quadri: il Twiga di Montecarlo e Forte dei Marmi sono tra i primi ad esporle.
Le conoscenze di alcuni personaggi famosi tra cui il cantante Sfera Ebbasta, gli stilisti Dean e Dan,Philipp Plein e Elisabetta Franchi, il calciatore Alvaro Morata, l’influencer Taylor Mega gli permettono di accrescere ulteriormente la visibilità pubblica.
Arrivando anche nel 2019 ad Arcore a casa di Berlusconi con un quadro commissionato dal suo staff.
Partecipa così ad importanti eventi e fiere d’arte come Art Basel e Scope a Miami,Arte Padova nel 2019 ed espone in modo permanente in molte gallerie d’arte, la Liquid Art Gallery di Capri, l’Arcadia Gallery di Milano, Miniaci Milano,la Miart Space Gallery di Miami.
Oggi ha aperto una galleria di proprietà in Via Ceresio a Milano, la MYFO Gallery, sulla vetrina della quale campeggia il marchio Myfo che gli ricorda la grande dedizione con cui è arrivato ad occuparsi a tempo pieno della sua passione principale, quella per l’arte.
Oggi Marco è anche un’importante figura scelta dal grande marchio di moda Twin Set per il quale sta disegnando in esclusiva delle capsule collection che usciranno nel 2021 e per i prossimi due anni,rappresentando anche nell’abbigliamento la sua arte.

Pensiero filosofico

Myfo elegge il banditismo a condizione esistenziale dell’uomo contemporaneo in fuga,rinchiuso in un eterno presente. Attraverso una narrazione dinamica e fluorescente,che vede alcuni personaggi disneyani prendere parte a vere e proprie azioni di brigantaggio,Myfo si fa capobanda e portavoce del grido di precarietà dei molti senza voce della strada tra i quali per primo ha vissuto.
Dietro all’apparente brillantezza dei colori serpeggia,per chi vuole coglierlo,il dramma della mancanza di riferimenti di un intera società,tesa verso una possibilità di trasformazione che continuamente le sfugge.

Tecnica

Collage misto per sovrapposizione di stampe o disegni fatti a mano o locandine del cinema originali comprate all’asta.
Sull’ultimo strato viene stesa una patina di resina sulla quale prima vengono eseguiti degli strappi che valorizzano la matericità del quadro per portare lo spettatore a farne un’esperienza tattile.
Dal punto di vista concettuale gli strappi permettono di aprire una finestra sugli strati più intimi del quadro che solo l’artista conosce, poiché sulla base della tela elabora il pensiero dell’opera che sta realizzando insistendo sul concetto del mistero che fa parte di tutti noi.
Vengono utilizzate vernici che risaltano la fluorescenza con la luce uv,conferendo una differente esperienza cromatica di una stessa immagine vista in due chiavi diverse.

Partendo dal movimento americano della pop art,Myfo ne rinnova la rappresentazione ,inserendola nell’orizzonte del proprio tempo,attingendo ai simboli del denaro e del sesso,alle icone più famose del cinema e della moda ,denuncia la riproducibilità delle immagini che la civiltà virale propone insistentemente al proprio pubblico per mezzo di un’ossessiva auto celebrazione dei propri idoli.
Ad oggi Myfo grazie alla sua tenacia e caparbietà, portando a termine tutti o quasi i suoi obiettivi,si fa capostipite di questa nuova corrente artistica ,se cosi si può chiamare,piena di colori e pigmenti fluorescenti, trascinando dietro di sè un bel gruppo di seguaci ed “imitatatori” che rendono il suo lavoro sempre più incentrato al rinnovamento e riconoscimento di una nuova tendenza artistica.

ENGLISH VERSION

Marco Michelini was born in Genoa in 1978.
Entrepreneur, fashion designer, superyacht manager, personal shopper, interior designer and CEO of some important companies.
In 2006 he creates his character MYFO which has been associated since the beginning with the gun-toting bandit, designed by him, then becoming the recognizable symbol of his art.
In 2018 he was born an artist in all respects. Discovered by a former gallery owner, he began experimenting with other techniques, approaching figurative art. The first works inspired by the art of Andy Warhol and Mimmo Rotella are born in the simplicity of his underground loft in Genoa.
The positive reception he received in Genoa during the ‘Art and Genoa’ exhibition, where he presented four works, led him to abandon supplies for luxury yachts and to devote himself entirely to cultivating his inclination for art.
Driven by the desire to communicate his artistic ideas, he tenaciously promotes his canvases in the galleries of Milan.
Eugenio Falcioni, great collector of Andy Warhol and owner of one of the most important galleries: the E.F. Gallery of Corso Magenta, is interested in it and, after a long wait, chooses to exhibit his works exclusively, alongside those of the master Warhol. In less than a year Myfo comes to exhibit at the Cipriani restaurant in Montecarlo where 18 of his works occupy the space previously reserved for Warhol himself.
In Milan, during an exclusive party, he is called by Paris Hilton who, after observing a painting exhibited in the room, asks about the artist and after meeting him enthusiastically exclaims “I will not leave here without this work!”.
The following day, thanks to the advertising of the millionaire Paris and her posts on Instagram, Myfo receives requests for her works from all over the world.
While his name begins to circulate, other exclusive places are endowed with his paintings: the Twiga of Montecarlo and Forte dei Marmi are among the first to exhibit them.
The acquaintances of some famous people including the singer Sfera Ebbasta, the stylists Dean and Dan, Philipp Plein and Elisabetta Franchi, the footballer Alvaro Morata, the influencer Taylor Mega allow him to further increase public visibility.
Also arriving in 2019 in Arcore at Berlusconi’s home with a painting commissioned by his staff.
In the same year he participated in important events and art fairs such as Art Basel and Scope in Miami, Arte Padova and exhibited permanently in many art galleries: the Liquid Art Gallery in Capri, the Arcadia Gallery in Milan, Miniaci Milan , the Miart Space Gallery in Miami.
Today he opened a proprietary gallery in Via Ceresio in Milan, the MYFO Gallery, on the window of which stands the Myfo brand that reminds him of the great dedication with which he came to deal full time with his main passion, that for art. .
Today Marco is also an important figure chosen by the great fashion brand Twin Set for which he is exclusively designing capsule collections that will be released in 2021 and for the next two years, also representing his art in clothing.

Philosophical thinking

Myfo elects banditry as an existential condition for contemporary man on the run, locked up in an eternal present. Through a dynamic and fluorescent narrative, which sees some Disney characters take part in real acts of banditry, Myfo becomes the leader and spokesman for the cry of precariousness of the many voiceless on the street among whom he first lived. Behind the apparent brilliance of the colors, for those who want to grasp it, the drama of the lack of references of an entire society winds its way towards a possibility of transformation that continually escapes them.

Technique

Mixed ollage for overlaying hand-made prints or drawings or original cinema posters bought at auction.
On the last layer, tears are made that enhance the materiality of the painting and finally a resin patina is applied to bring the viewer to a tactile experience.
From a conceptual point of view, the tears allow us to open a window on the most intimate layers of the painting that only the artist knows, since on the basis of the canvas he elaborates the thought of the work he is creating, insisting on the concept of the mystery that is part of all of us. .
Paints are used that highlight the fluorescence with uv light, giving a different chromatic experience of the same image seen in two different keys.
Drawing from the American movement of pop art, Myfo renews its representation, inserting it in the horizon of his own time, drawing on the symbols of money and sex and the most famous icons of cinema and fashion, denounces the reproducibility of the images that viral civilization insistently proposes to his audience by means of an obsessive self-celebration of his idols.
To date Myfo thanks to his tenacity and stubbornness, completing all or almost all of his goals, is the progenitor of this new artistic current, if it can be called that, full of colors and fluorescent pigments, dragging behind him a nice group of followers and “imitators” who make his work increasingly focused on the renewal and recognition of a new artistic trend.