Marco was born in Genoa in 1978. Entrepreneur, fashion stylist, superyacht manager, personal shopper, interior designer and managing director of some companies during his life, he created in 2006 the MYFO brand, which was imagined taking inspiration from the movement of the armed bandits.

Even though he came from a well-to-do family, he always frequented suburbs with the eccentricity and humility of the people who populated them, feeding the anger and the desire to escape of Marco with the primary purpose of denouncing how much he was embittered and afflicted by this environment during his adolescence. The dream of arriving raise his ambitions, which led him to become a cosmopolitan and successful man.
The artistic production of Marco recalls the world of fashion, luxury and the continue attendance to exclusive environments and celebrities such as Dolce and Gabbana, Philipp Plein, Naomi Campbell, Jennifer Lopez, Gianluca Vacchi and many others.
This enhances and refines his identity, easily distinguishable in the artistic context to which it refers. Having hung out the road and having arrived to the general public, his personality turns out to be very versatile, and recognizable for his great humility and eccentricity, unconscious heritage of his places of origin.

ARTISTIC PHILOSOPHY:

I was rich and I was poor, and there is no doubt that between the two conditions he prefers to be rich! Poverty does not ennoble man, then if someone thinks that this concept is materialistic or superficial, he tries to break his back 20 hours a day, because that’s his place“.

Marco Michelini is a self-taught artist who wants to give a strong image of contemporary society and make a simple and concise reflection on crime as a social fact. Today the excess has risen to rule and, having become ravenous, it feeds itself. The figurative distance between those owning properties and those not owning them is more and more marked and the characteristics of the society of excesses are represented by the desire to have everything and more, all and immediately, to shorten and shorten the roads to achieve success, power and money. Luxury, understood as excess, dissoluteness but also splendor and magnificence is reflected in those goods and properties able to attribute a status of prestige to the subjects who own them, giving them an emotional and multisensory component that involves the senses in their entirety. This “drug” of luxury brings the man that the artist wants to represent to do really anything to achieve that status, without scruples in the digression in that “lawlessness” representing the hidden soul of the contemporary society.
It is true that today we live in a society offering many temptations. This induces the human soul to fragility, corruptibility and weakness. How does man react to temptation? Some are not influenced too much and go on with their lives in a constant and nonchalant attitude, but others are committed to reach at all costs precisely those status that so tempt them, becoming almost bandits, and with their actions constantly seek advantages for themselves even at the expense of others.

It is precisely that type of man to whom the artist inspires, interpreting a life made of excesses, unruly and surrounded by luxury, well-being and the fragility of being misguided. That life where wealth seems to be the only way to achieve happiness. “Keeping your ass on a pony is certainly more interesting than on a small car.” A life that is very fascinating but that in reality turns out to be ephemeral and that leads to loneliness.
All this is reflected in a society that we can call “sick”, in a society that apparently is healthy and transparent but which instead hides, as in a double identity, a soul characterized by illegality, underworld, delinquency and corruption. It is undeniable that today society is in some ways materialistic and superficial, and this easily marries that status of success and exaltation of which the human being can become a slave

TECHNIQUE:

His painting technique is expressed by reproducing images that lead back to those vices, such as luxury, money, power, organized crime, wild finance, the idolatry of the villain, corruption and much more. The paintings are realized by applying posters of cult movies and more, which reflect those specific themes. The latter are cleverly and strategically torn in order to bring out the painted images on the basis of the canvas.
The moral is that our society and the human being have two souls, a more superficial one, the one shown on the posters, and a more hidden one, the obscure one of delinquency, of the vices, of the weaknesses in front of the temptations, of the continuous desire of power and of the human being’s insatiability relative to money, emerging from the tear of the poster. In each painting, the artist uses paints emerging with uv lights in order to literally animate the picture, demonstrating the dual identity we talked about above.
Like his paintings, even his sculptures give a signal in this sense.
The eccentricity of the shapes, the colored sketches and the multiplicity of bright and lively colors act as a lever to all his works, as a reflection of the dynamism of contemporary society. A society in continuous movement and evolution, a globalized, digitalized society, oriented towards mass consumerism.
The star wars helmets represent the warriors of the galaxy, and consequently they symbolize the mask that every human being brings into society. It’s a mistery if under that mask there is the right or the evil.

ITALIAN VERSION:

Marco è nato a Genova nel 1978. Imprenditore, stilista di moda, manager di superyacht, personal shopper, interior designer e amministratore delegato di alcune aziende durante la sua vita, ha creato nel 2006 il marchio MYFO, che è stato immaginato prendendo ispirazione dal movimento dei banditi armati.

Benché provenisse da una famiglia benestante era solito frequentare i sobborghi con l’eccentricità e l’umiltà delle persone che li popolano, alimentando in se la rabbia e il desiderio di fuggire con lo scopo primario di denunciare quanto fosse amareggiato e afflitto da questo ambiente durante la sua adolescenza.

Il sogno di arrivare solleva le sue ambizioni, che lo hanno portato a diventare un uomo di successo.
La produzione artistica di Marco richiama il mondo della moda, del lusso e la continua presenza in ambienti esclusivi, circondato da celebrità come Dolce e Gabbana, Philipp Plein, Naomi Campbell, Jennifer Lopez, Gianluca Vacchi e molti altri.
Ciò esalta e raffina la sua identità, facilmente distinguibile nel contesto artistico a cui si riferisce. Dopo essere uscito dalla strada e essere arrivato al grande pubblico, la sua personalità si rivela molto versatile e riconoscibile per la sua grande umiltà ed eccentricità, eredità inconscia dei suoi luoghi di origine.

FILOSOFIA ARTISTICA:

“Ero ricco ed ero povero, e non c’è dubbio che tra le due condizioni preferisca essere ricco! La povertà non nobilita l’uomo, quindi se qualcuno pensa che questo concetto sia materialista o superficiale, cerchi di spaccarsi la schiena 20 ore al giorno, perché quello è il suo posto “.

Marco Michelini è un artista autodidatta che vuole dare un’immagine forte della società contemporanea e fare una riflessione semplice e concisa sul crimine come fatto sociale. Oggi l’eccesso è salito al potere e, divenuto famelico, si nutre da solo. La distanza figurativa tra quelli che possiedono proprietà e quelli che non le possiedono è sempre più marcata e le caratteristiche della società degli eccessi sono rappresentate dal desiderio di avere tutto e di più, tutto e immediatamente, per accorciare le strade per raggiungere il successo, potere e denaro. Il lusso, inteso come eccesso, dissolutezza ma anche splendore e magnificenza si riflette in quei beni e proprietà in grado di attribuire uno status di prestigio ai soggetti che li possiedono, dando loro una componente emotiva e multisensoriale che coinvolge i sensi nella loro interezza. Questa “droga” del lusso porta l’uomo che l’artista vuole rappresentare a fare davvero qualsiasi cosa per raggiungere quello status, senza scrupoli nella digressione in quella “illegalità” che rappresenta l’anima nascosta della società contemporanea.
È vero che oggi viviamo in una società che offre molte tentazioni. Ciò induce l’anima umana a fragilità, corruzione e debolezza. Come reagisce l’uomo alla tentazione? Alcuni non sono influenzati troppo e continuano la loro vita in un atteggiamento costante e disinvolto, ma altri si impegnano a raggiungere a tutti i costi proprio quello status che li tenta così, diventando quasi banditi, e con le loro azioni cercano costantemente vantaggi per se stessi a spese degli altri.

È proprio quel tipo di uomo a cui l’artista si ispira, interpretando una vita fatta di eccessi, ribellioni e circondata da lusso, benessere e fragilità di essere fuorviati. Quella vita in cui la ricchezza sembra essere l’unico modo per raggiungere la felicità. “Mantenere il culo su un pony è sicuramente più interessante che su una piccola auto.” Una vita che è molto affascinante ma che in realtà si rivela effimera e che porta alla solitudine.
Tutto ciò si riflette in una società che possiamo definire “malata”, in una società che apparentemente è sana e trasparente ma che invece nasconde, come in una doppia identità, un’anima caratterizzata da illegalità, malavita, delinquenza e corruzione. È innegabile che la società di oggi è in qualche modo materialista e superficiale, e questo sposa facilmente quello stato di successo ed esaltazione di cui l’essere umano può diventare schiavo

TECNICA:

La sua tecnica pittorica si esprime riproducendo immagini che riconducono a quei vizi, come lusso, denaro, potere, criminalità organizzata, finanza selvaggia, idolatria del cattivo, corruzione e molto altro. I dipinti sono realizzati applicando poster di film di culto e altro, che riflettono quei temi specifici. Questi ultimi sono abilmente e strategicamente strappati per far risaltare le immagini dipinte sulla base della tela.
La morale è che la nostra società e l’essere umano hanno due anime, una più superficiale, quella mostrata sui manifesti, e una più nascosta, quella oscura della delinquenza, dei vizi, delle debolezze di fronte alle tentazioni , del continuo desiderio di potere e dell’insaziabilità dell’essere umano rispetto al denaro, emergendo dalla lacrima del poster. In ogni dipinto, l’artista utilizza vernici che emergono con luci UV per animare letteralmente l’immagine, dimostrando la doppia identità di cui abbiamo parlato sopra.
Come i suoi dipinti, anche le sue sculture danno un segnale in questo senso.
L’eccentricità delle forme, gli schizzi colorati e la molteplicità di colori vivaci e vivaci fungono da leva per tutte le sue opere, come riflesso del dinamismo della società contemporanea. Una società in continuo movimento ed evoluzione, una società globalizzata e digitalizzata, orientata al consumismo di massa.
I caschi delle guerre stellari rappresentano i guerrieri della galassia, e di conseguenza simboleggiano la maschera che ogni essere umano porta nella società. È un mistero se sotto quella maschera ci sia il bene o il male.